Covid-19, sintomi e criteri per riconoscerlo

Covid-19, sintomi e criteri per riconoscerlo

Ore 08:44:19 - Considerando l’evoluzione della situazione epidemiologica, le nuove evidenze scientifiche e le indicazioni pubblicate dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC), la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero italiano della Salute ha diffuso un aggiornamento della definizione di caso di COVID-19 che riproduciamo di seguito.

Criteri clinici

Presenza di almeno uno dei seguenti sintomi:

  • tosse
  • febbre
  • dispnea (respirazione difficoltosa, ndr)
  • esordio acuto di anosmia, ageusia o disgeusia (perdita totale dell'olfatto e perdita o abbassamento del senso gusto, ndr)

Altri sintomi meno specifici possono includere cefalea (mal di testa, ndr), brividi, mialgia (dolore muscolare, ndr), astenia (sensazione di fatica, ndr), vomito e/o diarrea.

Criteri radiologici

Quadro radiologico compatibile con COVID-19.

Criteri di laboratorio

  1. Rilevamento di acido nucleico di SARS-CoV-2 in un campione clinico, o
  2. Rilevamento dell'antigene SARS-CoV-2 in un campione clinico in contesti e tempi definiti nella sezione dedicata: “Impiego dei test antigenici rapidi” (consultare il documento completo scaricabile qui, ndr).

Criteri epidemiologici

Almeno uno dei due seguenti collegamenti epidemiologici:

  • contatto stretto con un caso confermato COVID-19 nei 14 giorni precedenti l'insorgenza dei sintomi;
    se il caso non presenta sintomi, si definisce contatto una persona che ha avuto contatti con il caso indice in un arco di tempo che va da 48 ore prima della raccolta del campione che ha portato alla conferma e fino a 14 giorni dopo o fino al momento della diagnosi e dell'isolamento del caso;
  • essere residente/operatore, nei 14 giorni precedenti l'insorgenza dei sintomi, in contesti sanitari (ospedalieri e territoriali) e socioassistenziali/sociosanitari quali RSA, lungodegenze, comunità chiuse o semichiuse (ad es. carceri, centri di accoglienza per migranti), in cui vi sia trasmissione di SARS-CoV-2.

Classificazione dei casi

  1. Caso Possibile
    Una persona che soddisfi i criteri clinici.
  2. Caso probabile
    Una persona che soddisfi i criteri clinici con un collegamento epidemiologico, o
    una persona che soddisfi i criteri radiologici.
  3. Caso confermato
    Una persona che soddisfi il criterio di laboratorio.