Molto cinema italiano in arrivo su Netflix nel 2021

Ore 06:21:54 - C'è molto cinema italiano in arrivo su Netflix nel 2021, dopo il successo dei due titoli di punta dell’anno scorso, L’isola delle rose di Sydney Sibilia e La vita davanti a sé di Edoardo Ponti con Sophia Loren.

«Nel 2020 abbiamo raddoppiato l’investimento sui film italiani, il pubblico di Netflix ama il vostro cinema: 80 milioni di account a livello globale hanno scelto un titolo italiano nel 2020», hanno spiegato al Corriere della Sera Teresa Moneo e Sara May, responsabili delle produzioni originali, acquisizioni e co-produzioni.

Il primo in arrivo sulla piattaforma sarà, il 5 febbraio, L’ultimo Paradiso di Rocco Ricciardulli prodotto e interpretato da Riccardo Scamarcio con Gaia Bermani Amaral e Valentina Cervi. «Un film legato alla tradizione del cinema italiano, una storia d’amore attraverso le epoche, che intreccia una faida familiare», ha anticipato May.

Quindi, entro il primo trimestre 2021, Sulla stessa onda di Massimiliano Camaiti con Donatella Finocchiaro. Una storia d’amore tra un ragazzo e una ragazza, costretti a crescere troppo in fretta. «È un’opera prima, prova del nostro interesse a lavorare con gli esordienti», è il commento.

Nel corso dell’anno arriverà A Classic Horror Story di Roberto De Feo e Paolo Strippoli con Matilda Lutz e Francesco Russo, girata in Puglia. «Ci crediamo molto [...] è un nuovo approccio all’horror che mescola piani e riferimenti».

Più avanti sarà la volta de Il divin codino, su Roberto Baggio, diretto da Letizia Lamartire con Andrea Arcangeli. «Baggio è una leggenda, volevamo evitare le trappole del film di sport e calcio. È la parabola umana di una persona che diventa più grande di sé stesso. Apprezziamo la scelta di Fabula che lo produce, di farlo dirigere a Lamartire, non per fare retorica sulle registe, ma per il suo tocco felice. E siamo orgogliosi di lanciare Arcangeli a livello internazionale. Nel cinema italiano ci sono talenti straordinari, come Elio Germano e Matilda De Angelis, conosciuti in tutto il mondo dopo L’isola delle rose».