Messico al 3º posto tra i Paesi dove è meglio andare a vivere

Messico al 3º posto tra i Paesi dove è meglio andare a vivere

Ore 16:09 - Da trent’anni la rivista International Living compila la lista dei dieci Paesi nei quali si vive meglio quando si decide di ritirarsi a vita privata. È, secondo Vittorio Sabadin, giornalista del quotidiano italiano La Stampa, «una classifica alla quale bisogna credere, perché stilata sulla base di esperienze dirette». Nell'edizione del 2021 il primo in classifica è ancora una volta il Costa Rica, il Messico si è piazzato al terzo posto e l'Italia è 19ª.

Global Retirement Index

Per quanto riguarda la terra degli Aztechi e dei Maya, il risultato non è sorprendente: Il Messico è ormai il rifugio prediletto dai pensionati provenienti dai suoi vicini nordamericani. Più di un milione di statunitensi e mezzo milione di canadesi ci vivono a tempo pieno o parte dell'anno —spesso in inverno, per fuggire dal freddo— il che fa di questo Paese latinoamericano una delle destinazioni per espatriati più popolari, se non la più popolare, del mondo.
E questo rende molto più facile la transizione verso una nuova vita in Messico. La grande comunità di espatriati è molto accogliente per i nuovi arrivati ​​e non mancano attività, club, eventi, happy hour e altro ancora. È facile incontrare nuove persone e fare amicizia. Per gli statunitensi —a causa della vicinanza e dei legami commerciali e culturali con il “vicino del nord”— è familiare gran parte di ciò che si trova sugli scaffali dei negozi, nei piatti dei ristoranti, alla televisione e altrove. Il Paese dispone inoltre di servizi come una rete di autostrade in buone condizioni, servizio di telefonia cellulare, Internet ad alta velocità con fibra ottica, televisione via cavo, satellite, ecc.

Ma allo stesso tempo i tratti distintivi della cultura messicana sono molto vivi nelle tradizioni, le celebrazioni e le festività durante tutto l'anno. La popolazione locale è caratterizzata dalla gioia di vivere, l'accoglienza nei confronti dei nuovi arrivati e un atteggiamento “vivi e lascia vivere”.

La gastronomia ha tante varietà quante sono le diverse regioni del Paese. Non si tratta solo di tacos, sebbene siano sono tutti buonissimi e, soprattutto, nella stragrande maggioranza dei casi non corrisponde all'immagine sempre più diffusa internazionalmente basata sulla cucina tex-mex. Ci sono “ceviche” e altri frutti di mare sulle coste, cochinita pibil di maiale nello Yucatan, peperoni ripieni ricoperti di salsa di noci a settembre, crepes e quesadillas di huitlacoche, panini farciti e “carnitas” nelle bancarelle di strada ed "esquite": mais arrostito con maionese e formaggio e cosparso di peperoncino pinquín in polvere. E questo è solo un piccolo esempio dell'autentica, sofisticata e deliziosa cucina messicana.

Ma coloro che si trasferiscono in Messico sono attratti, inoltre, da una moltitudine di altri vantaggi.

In molti casi, una coppia di pensionati può vivere bene in Messico con una frazione di quanto spenderebbe nel proprio Paese d'origine. Il costo della vita, ovviamente, dipende molto dalle abitudini e dallo stile di vita specifici delle persone, ma in media è possibile spendere meno di 2.500 dollari al mese a coppia e avere una vita piena di divertimento, senza la necessità di lesinare. Ciò è possibile grazie alla disponibilità di immobili a basso costo (in affitto e in vendita), cibo a prezzi accessibili nei supermercati, mercati e ristoranti, trasporti economici, assistenza sanitaria a prezzi ragionevoli, opzioni di intrattenimento gratuite e altro ancora.

È relativamente facile ottenere un permesso di soggiorno per chi è finanziariamente solvente. Il processo di richiesta e approvazione è semplice, la maggior parte è online e la “residencia permanente” (per periodi di più di 4 anni) può essere ottenuta nel giro di pochi mesi. Si inizia con un primo appuntamento presso l'ambasciata o il consolato messicano nel Paese di origine. La documentazione richiesta deve poter dimostrare la cittadinanza, lo stato civile (se si fa domanda con un coniuge) e il reddito. Il processo si conclude presso l'ufficio dell'Instituto Nacional de Migración più vicino alla nuova dimora in Messico.

Uno dei principali vantaggi per le persone in età pensionabile in Messico è la disponibilità di servizi sanitari. In uno dei sistemi amministrati dal governo, l'INSABI, l'assistenza è gratuita per i cittadini messicani e gli stranieri con residenza temporanea e permanente. Esiste un altro programma governativo, amministrato dall'Instituto Mexicano del Seguro Social (IMSS), che fornisce copertura (ma esclude malattie preesistenti) per 625 dollari a persona all'anno. Gli svantaggi dei servizi sanitari offerti dallo Stato sono legati ai lunghi periodi di attesa e alle strutture spesso in cattive condizioni.

Ci sono, inoltre, medici privati ​​(di tutte le specialità), cliniche e ospedali di alto livello con attrezzature moderne in tutto il Paese. Si può pagare in contanti o utilizzare un'assicurazione locale o internazionale.

Poiché il Messico è così grande (circa sette volte l'Italia), ha una grande diversità di climi, paesaggi e stili di vita. Chi ci vive può essere in una grande città di livello mondiale, una villaggio rurale, una piccola città coloniale, un moderno hotel sulla spiaggia, in alta montagna o nel mezzo della giungla. Ci si può godere il ​​caldo, l'umidità e la brezza marina sulla costa, i climi temperati delle zone coloniali, il caldo secco di Los Cabos o il clima “perfetto” della Bassa California.

Con così tante località tra cui scegliere, in Messico c'è davvero qualcosa per tutti.