Riaprono ai turisti il Duomo di Milano e il Cenacolo vinciano

Riaprono ai turisti il Duomo di Milano e il Cenacolo vinciano

Ore 16:21:44 - Dopo esattamente cento giorni dalla chiusura del 5 novembre, riapre alle visite turistiche il Duomo di Milano: la data da segnare nel calendario per gli appassionati sarà quella dell’11 febbraio, quando la cattedrale meneghina riaprirà le sue porte —che in questi mesi non sono mai state chiuse per i fedeli— anche a chi non vuole recarcisi per motivi di preghiera, ma «solo» di turismo. La Veneranda Fabbrica del Duomo —l'organizzazione responsabile della manutenzione, conservazione e restauro della basilica— «sta predisponendo le misure necessarie per permettere la riapertura del Complesso Monumentale alle visite turistiche nel rispetto di tutte le norme vigenti, per offrire un’esperienza confortevole e in sicurezza». Per via delle disposizioni previste nella «zona gialla», il Duomo potrà essere visitato solo nei giorni infrasettimanali e non nel fine settimana.

In occasione della riapertura ai turisti, ci sarà uno sconto del 20 per cento su tutte le visite guidate, mentre per chi ha acquistato una nuova «Milano Duomo Card» potrà utilizzare il proprio ingresso omaggio al Duomo e alle Terrazze, usufruire dell’abbonamento che prevede l’accesso illimitato al Museo o approfittare della possibilità di convertire il proprio ticket in una visita guidata individuale, con una guida in esclusiva, con sconto del 25 per cento, prenotandosi sul sito e inserendo il codice identificativo della carta.

Dal 9 febbraio riapre poi anche il «Cenacolo», il refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie dove Leonardo da Vinci dipinse tra il 1494 e il 1498 l'Ultima Cena. Fino al 21 febbraio, le visite saranno dal martedì al venerdì, secondo il solito sistema dei turni (12 visitatori ogni 15 minuti fino al 12 febbraio, per diventare poi 18 dal 16). Data l'incertezza sull'evoluzione della situazione pandemica, come ha sottolineato la direttrice dei musei statali lombardi, Emanuela Daffra, i biglietti potranno essere prenotati online con prevendita settimanale. Ma potranno essere acquistati anche il giorno stesso della visita presso la biglietteria del museo. «Un lato positivo c’è: è stata abbattuta la leggendaria inaccessibilità al Cenacolo», ha spiegato Daffra, mentre Michela Palazzo, direttrice del museo del «Cenacolo Vinciano» ha specificato che «il periodo di chiusura poi non è stato del tutto negativo. Abbiamo potuto svolgere tanti lavori di manutenzione e metterne in cantiere altri, che altrimenti avrebbero richiesto più tempo».