Il Messico conferma il primo caso di vaiolo delle scimmie

Il Messico conferma il primo caso di vaiolo delle scimmie

Ore 06.14 – Le autorità sanitarie messicane hanno confermato ieri, sabato 28 maggio 2022, l’identificazione del primo caso di vaiolo delle scimmie nel Paese in un uomo di 50 anni in cura a Città del Messico.

«Oggi confermiamo il primo caso importato di vaiolo delle scimmie in Messico. È un uomo di 50 anni, residente permanente a New York, che probabilmente è stato contagiato nei Paesi Bassi. È in cura a Città del Messico», ha detto su Twitter il sottosegretario messicano per la Prevenzione e la promozione della salute, Hugo López-Gatell.

Il funzionario ha aggiunto che la persona «fortunatamente è stabile e in isolamento preventivo. Speriamo che si riprenda senza complicazioni». López-Gatell ha ricordato che il vaiolo delle scimmie «si trasmette da persona a persona per contatto diretto. Non si diffonde nell’aria, nell’acqua o nel cibo. L’efficacia del contagio è bassa, per cui di solito si osservano casi isolati o piccoli focolai, non epidemie generalizzate.

In un comunicato, il ministero della Salute messicano ha sottolineato che il Comitato nazionale per la sorveglianza epidemiologica (Conave), composto dalle istituzioni del settore, ha pubblicato un avviso «in modo che tutte le unità mediche di primo, secondo e terzo livello di attenzione riferiscano i casi sospetti individuati».

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), al 21 maggio erano stati confermati 92 casi e 28 sospetti in Germania, Australia, Belgio, Canada, Stati Uniti, Spagna, Francia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Regno Unito e Svezia.

«Questi casi sono stati rilevati al di fuori dei Paesi africani in cui questa malattia è endemica e sono stati identificati più di 1.300 casi», afferma il ministero.

ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo
Patronato ITAL Messico