Aperol, crescita a tre cifre in Messico

Ore 13.28 – Rispettivamente al secondo e nono posto della classifica The World’s Best-Selling Classic Cocktails 2021, pubblicata da Drinks International —rivista dedicata esclusivamente al mercato globale di distillati, vini e birre—, gli italianissimi Negroni e Spritz sono ormai protagonisti indiscussi delle preferenze internazionali nell’ambito delle miscele di bevande alcoliche più bevute al mondo.

Il secondo posto del Negroni è stabile da sette anni, mentre lo Spritz ha guadagnato una posizione, passando dal decimo al nono posto nel 2021.

Tra gli ingredienti base di entrambi i drink si trovano due marchi emblematici della società italiana Davide Campari di Milano: il bitter Campari e l’aperitivo Aperol, che hanno ottenuto risultati molto positivi nei primi 9 mesi di quest’anno.

«Aperol e Campari vanno a ruba in Messico e in Cina», si legge in diversi articoli pubblicati nelle ultime ore, mentre il CEO del Gruppo Campari, l’austriaco Robert Kunze-Concewitz, ha spiegato: «Nella recensione per marchi si vede Aperol, molto, molto forte, in crescita di quasi il 30% rispetto allo scorso anno, del 33,2% rispetto al 2019, con risultati positivi su tutta la linea».

«I nostri mercati principali» —ha aggiunto— «come Italia, Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Russia, Svizzera, Belgio, Austria, sono cresciuti con tassi sostenuti a due cifre, mentre i mercati più recenti come Messico e Cina sono cresciuti ancora più velocemente, con un aumento a tre cifre. Anche Campari, che beneficia dello stesso effetto, è in crescita del 28,4% rispetto al 2020 e del 27,1% rispetto al 2019».

«Prevediamo che la dinamica positiva dei marchi e le vendite favorevoli continuino nell’ultimo trimestre, contribuendo a compensare parzialmente l’intensificarsi della pressione sui costi dei materiali e sui costi logistici, i maggiori investimenti nella costruzione del marchio e il phasing dei costi di struttura», ha concluso.