A Venezia dal 16 gennaio 2023 contributo di accesso per i turisti

A Venezia dal 16 gennaio 2023 contributo di accesso per i turisti

Ore 14.57 – Dal 16 gennaio 2023 sarà operativa, assieme al sistema di prenotazione, la “nuova versione” del contributo di accesso, il ticket per entrare nella città storica di Venezia. Il sistema è stato presentato oggi dagli assessori al Turismo, Simone Venturini, e al Bilancio, Michele Zuin. Il capoluogo lagunare, dunque, sarà la prima grande città al mondo ad essere dotata di un sistema di monitoraggio e gestione degli ingressi.

Per visitare Venezia e le sue isole sarà necessario prenotare e pagare il ticket (da 3 a 10 euro, a seconda della giornata) attraverso una piattaforma informatica. Sono previste alcune esenzioni: sono esclusi i residenti e i loro familiari, i domiciliati, i lavoratori e gli studenti, le persone nate nel comune di Venezia, i bambini sotto i 6 anni, i residenti della città metropolitana e di tutta la Regione Veneto (questi ultimi, però, dovranno pagare se si supera una certa soglia).

Saranno esclusi anche tutti i turisti che alloggiano in città e che, di conseguenza, sono già soggetti al pagamento della tassa di soggiorno.

Il contributo di accesso vale anche per recarsi sulle isole: Lido, Pellestrina, Murano, Burano, Torcello, Sant’Erasmo, Mazzorbo, Vignole, eccetera, indipendentemente dal mezzo di trasporto utilizzato.

Il cuore del sistema sarà una piattaforma multicanale e multilingue, realizzata dalla società Venis. Accedendo, l’utente otterrà un titolo (probabilmente un codice QR) da esibire in caso di controlli.

Altre modalità potrebbero essere previste per i passeggeri delle navi da crociera, ad esempio l’applicazione di una tariffa forfettaria. Inoltre, come fatto presente da Zuin, potranno esserci degli sconti per chi prenoterà con largo anticipo.

Patronato ITAL Messico