World’s 50 Best Restaurants: 2 messicani e 6 italiani tra i primi 30

World's 50 Best Restaurants: 2 messicani e 6 italiani tra i primi 30

Ore 17.15 – Geranium dello chef Rasmus Kofoed, uno degli stabilimenti culinari più celebri della Danimarca, si è guadagnato il titolo di “Miglior ristorante del mondo” nel primo anno in cui il Noma di René Redzepi —che aveva ottenuto la prima posizione nel 2010, 2011, 2012, 2014 e 2021— non ha potuto partecipare. L’organizzazione World’s 50 Best ha istituito una modifica delle regole nel 2019 secondo cui i ristoranti non sarebbero non avrebbero potuto a vincere una seconda volta, ma il Noma ha comunque ottenuto un’ultima vittoria dopo la chiusura e si è trasferito in una nuova posizione. Il Geranium, situato all’ottavo piano dello stadio nazionale di calcio di Copenaghen, ha annunciato l’anno scorso che avrebbe eliminato le sue già piccole quantità di carne sul menu da circa 437 dollari per concentrarsi su frutti di mare e verdure.

Central a Lima si è aggiudicato il secondo posto, mentre Disfrutar di Barcellona si è piazzato terzo. Grande risultato per il Messico, che ha ottenuto il quinto posto con il Pujol di Enrique Olvera e il nono con Quintonil, del 34enne Jorge Vallejo, entrambi nella capitale del Paese.

L’Italia vanta ben 6 ristoranti nei primi 30 posti: Lido 84 di Gardone Riviera (8º), Le Calandre di Rubano (10º), Uliassi di Senigallia (12º), Reale di Castel di Sangro (15º), Piazza Duomo di Alba (19º) e St. Hubertus di San Cassiano (29º).

I risultati sono stati annunciati durante una cerimonia a Londra condotta da Stanley Tucci. Prima della cerimonia, l’organizzazione World’s 50 Best ha confermato che i ristoranti russi non sarebbero stati inclusi nell’elenco di quest’anno a causa degli attacchi del Paese all’Ucraina. Un portavoce ha detto a Eater: «Non riteniamo alcun ristorante o bar individualmente responsabile delle azioni del loro governo e riconosciamo tutti coloro in Russia che hanno coraggiosamente denunciato le azioni dei loro leader. Tuttavia, includendo ristoranti o bar russi nelle nostre liste di alto profilo, sosterremmo tacitamente il turismo guidato dall’ospitalità in Russia, aumentando le entrate nel Paese e sostenendo indirettamente il governo attraverso la tassazione […] Come organizzazione, non crediamo giusto promuovere la Russia come destinazione per mangiare o bere in questo momento».

ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo
Patronato ITAL Messico