Alla Mostra del cinema di Venezia la lotta del Messico contro i femminicidi

Ore 18.55 – Con il tacco, rasoterra: un centinaio di scarpe usate sono state verniciate di rosso e lasciate intorno alla Sala Giardino alla Mostra del cinema di Venezia.

Sono le red shoes, le scarpe simbolo in tutto il mondo dei femminicidi.

L’installazione è della stessa Elina Chauvet, l’artista messicana che l’ha ideata, presente al Lido per accompagnare il film Zapatos Rojos di Carlos Eichelmann Kaiser (Orizzonti Extra), una co-produzione Messico-Italia, distribuito nel Bel Paese da 102 Distribution.

«Difficile dire da dove sia arrivata l’ispirazione per questo progetto, ma di certo il pensiero immediato» —ha detto all’ANSA Chauvet— «è venuto dall’omicidio di mia sorella. Per me è stato un processo di guarigione, io passo dalla pittura all’installazione nel 2009 perché vivendo allora a Ciudad Juárez notavo quanto stesse crescendo il numero di femminicidi e questo mi ha fatto venire in mente l’idea dell’installazione, per alzare la mia voce contro la violenza sulle donne».

Quelle scarpe rosse esposte nelle strade, piazze, scuole, palazzi istituzionali, in risposta all’ondata di femminicidi in Messico ha dato vita al movimento, ripreso poi nel 2020 quando un gruppo di attiviste ha dipinto 300 paia di scarpe rosse e indetto uno sciopero di 24 ore, in cui le donne si sono assentate dai luoghi di lavoro e dalla vita pubblica, utilizzando l’hashtag #UnDiaSinNosotras. Un attivismo che fa parte della rete transfemminista mondiale Non una di meno.

«La relazione tra arte e attivismo è molto stretta, Red Shoes è diventato un movimento socio-politico, non solo una protesta, il mio è un pezzo di arte che è politico e sociale allo stesso tempo», ha concluso l’artista 63enne.

ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo
Patronato ITAL Messico