Celebrazione in Messico in onore della Virgo Fidelis, patrona dei Carabinieri

Celebrazione in Messico in onore della Virgo Fidelis, patrona dei Carabinieri

Ore 04.58 – Domenica 4 dicembre —presso la chiesa di María Virgen Fiel di Guadalajara, in Messico— la sezione estera dei Carabinieri con sede nella capitale dello Stato di Jalisco ha festeggiato la patrona dell’Arma con una messa celebrata dal decano del clero locale Elías Morales Enríquez.

Tra i presenti, Aldo Monjardín Díaz, commissario generale della Polizia metropolitana di Guadalajara, Karla María López Blanco, comandante della Polizia di Guadalajara, Víctor Sánchez Orozco, deputato del Parlamento dello Stato di Jalisco, Fabio Toticchi, console onorario d’Italia negli Stati di Jalisco e Colima, Rafael García Medrano, del gruppo finanziario Citibanamex, Carlos Iván Arreola Santiago, imprenditore del settore minerario messicano, ed Elba Leticia Castaños Burgueño, direttrice delle Risorse umane del Gruppo PiSA.

Durante la cerimonia si è reso omaggio a 19 caduti dei corpi statali, municipali e stradali della polizia e a Teresita de Jesús Castaños Burgueño, «una amica molto vicina alla nostra sezione, a cui con entusiasmo e convinzione voleva entrare a far parte come socia simpatizzante, colpita da un male incurabile che l’ha portata alla morte non potendo realizzare tale desiderio», ha detto a Puntodincontro il Luogotenente in congedo Guglielmo Filippo Finotti (nella foto), presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri (ANC) in Messico.

Ad ogni Arma, Corpo, Specialità e Servizio dell’Esercito italiano è stato assegnato un patrono. I Carabinieri in particolare sono stati affidati a Maria “Virgo Fidelis” l’8 dicembre 1949 da Papa Pio XII —accogliendo l’istanza dell’Ordinario militare d’Italia, Mons. Carlo Alberto di Cavallerleone—, fissando la celebrazione il 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria al tempio —secondo la memoria liturgica della Chiesa cattolica— e della ricorrenza della battaglia di Culquaber, combattuta in Abissinia (l’attuale Etiopia) dal 6 agosto al 21 novembre 1941 fra italiani e britannici.

«Esiste interesse da parte della Polizia metropolitana di Guadalajara» —ha spiegato il Luogotenente Finotti— «per creare un’organizzazione associativa che possa sostenere gli operatori della sicurezza una volta pensionati. Per questo motivo il commissario generale Aldo Monjardín Díaz si è dimostrato aperto ad una collaborazione, approfittando della nostra esperienza nell’ambito della ANC ed ONAOMAC, l’Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri. In questo contesto, ho partecipato alcuni giorni fa come ospite osservatore alla riunione operativa settimanale che si svolge con i commissari a capo dei vari municipi».

Il commissario generale della Polizia di Guadalajara, Aldo Monjardín Díaz, e il Luogotenente Guglielmo Filippo Finotti
durante la riunione con i responsabili della sicurezza metropolitana.

Patronato ITAL Messico