Il marchio “Alitalia” va all’asta

Ore 05.25 – È partita la gara per la cessione del marchio Alitalia. La società, in procedura fallimentare, ha pubblicato su diversi quotidiani l’invito agli interessati.

La versione integrale è disponibile sul sito web www.amministrazionestraordinariaalitaliasai.com.

«Il prezzo a base» —si legge nell’invito— «è pari a 290 milioni di euro, oltre Iva e oneri fiscali ai sensi di legge».

Il bando prevede che da domani, sabato 18 settembre (alle 12 ora italiana) ed entro il 30 settembre (fino alle ore 24), gli interessati potranno inviare ai commissari straordinari le richieste di ammissione. La data room sarà poi aperta il 20 settembre. Entro il 4 ottobre le offerte vincolanti per la prima fase. Alla gara intende partecipare Ita —la nuova società che sostituirà Alitalia— ma potranno partecipare anche altri vettori.

Il marchio sarà aggiudicato «provvisoriamente sia nella prima fase che nella seconda fase al prezzo più elevato offerto anche a seguito delle offerte di rilancio», si legge.

Gli esiti della procedura, si precisa, saranno poi «sottoposti al ministero dello Sviluppo Economico (Mise) e diventeranno efficaci e definitivi solo dopo il rilascio da parte del Mise della prescritta autorizzazione, anche tenuto conto della congruità del prezzo offerto».

In caso di aggiudicazione, il concorrente dovrà impegnarsi «a non utilizzare il marchio in modo contrario alla legge o all’ordine pubblico e, in ogni caso, a non utilizzarlo per attività ovvero per forme di comunicazione che possano recare pregiudizio all’immagine di un qualunque Stato membro dell’Unione Europea, in ambito economico, culturale, turistico e trasportistico».