Italia 9º importatore mondiale di tequila e record nei primi 10 mesi del 2021

Ore 11.16 – In un mondo in cui le esportazioni messicane di tequila negli ultimi cinque anni sono più che raddoppiate (+135,8%), l’Italia segna nel periodo 1 gennaio-12 novembre di quest’anno un record storico di acquisizioni del distillato, con un aumento del 46,6% rispetto allo stesso periodo del 2020 e di +20,5% rispetto al 2019, anno in cui si era registrato il primato precedente.

Tra i 10 maggiori importatori, la Penisola, inoltre, è seconda dopo l’Australia (+207,1%) nella crescita degli ultimi 5 anni, con un aumento del volume pari al 182,7% rispetto al 2016.

Il Bel Paese ha importato nei primi 315 giorni del 2021 1’834.228.19 litri della bevanda a base di agave, uno dei simboli nazionali del Messico.

Con questo risultato, l’Italia conferma il 9º posto tra le nazioni importatrici del pianeta e si piazza quinta nella graduatoria della qualità tra i primi dieci in classifica (52% del liquore acquistato appartiene alla categoria “100% di agave”).

Il Paese in cui la probabilità di bere un prodotto di eccellenza è più alta è il Canada, dove la tequila 100% di agave corrisponde all’81,5% delle importazioni, mentre la qualita più bassa si registra in Germania, con solo il 3,4% della tequila importata distillata utilizzando esclusivamente agave Weber Azul.

Debutto del marchio Mijenta sul mercato italiano

In questo contesto è stato presentato nei giorni scorsi a Roma —per il debutto nel mercato dello Stivale— il marchio Mijenta, fondato nel mese di settembre 2020 dall’ex CEO di Bacardi Mike Dolan, assieme a Juan Coronado ed Elise Som in collaborazione con la distillatrice messicana Ana María Romero. La versione “reposada”, lanciata il 29 dicembre dello scorso anno, viene invecchiata fino a sei mesi in una combinazione di botti di rovere bianco americano e rovere/acacia francese.

Importata dal marchio Stock —con oltre 130 anni di attività e in Italia noto per il Brandy Stock 84— questa produzione artigianale mira a minimizzare l’impatto ambientale in tutte le fasi del ciclo di vita. I componenti, a partire dalla carta dell’etichetta e della scatola sono fatti con scarti di agave e l’organizzazione sostiene attivamente le imprese e le comunità messicane, acquistando tutti gli elementi di imballaggio dal Paese latinoamericano. La Fondazione Mijenta è stata creata per sostenere le attività delle comunità, proteggendo e conservando le loro abilità ancestrali. Mijenta lavora mano nella mano con i piccoli artigiani, reinvestendo direttamente una parte dei profitti e offrendo assistenza sanitaria e aiuti alle loro famiglie.