Il Messico arriva alla Casa del Cinema di Roma

Ore 08.07 – Venerdì 3 dicembre, alla Casa del Cinema di Roma, si terrà la “Muestra de Cine Mexicano Inverno 2021”, una giornata dedicata alle produzioni per il grande schermo di questo Paese latino nordamericano. L’ingresso sarà gratuito fino a esaurimento posti e previa presentazione del Green Pass.

Verranno proiettati due film in anteprima romana, entrambi in spagnolo sottotitolati in italiano.

Il primo è il lungometraggio “Redes”, diretto da Emilio Gómez Muriel e Fred Zinnemann nel 1936 durante la presidenza di Lázaro Cárdenas e restaurato per il festival di Cannes del 2009 dalla World Cinema Foundation di Martin Scorsese.

Girata interamente nella municipalità di Alvarado dello Stato di Veracruz, la pellicola fu realizzata con la partecipazione della gente del posto. Si tratta di un importante classico, la cui trama ruota attorno alla vita di Miro —che perde il figlio a causa dell’estrema povertà in cui vive la sua famiglia— e di un gruppo di pescatori che decidono di ribellarsi a chi approfitta di loro.

Verrà proposto in anteprima italiana anche il documentario “Ayotzinapa: el paso de la tortuga” (2017) di Enrique García Meza, che sarà presente come ospite d’onore di questa edizione della Muestra.

Il film, prodotto da Bertha Navarro, Guillermo del Toro e Alejandro Springall, è un documentario investigativo che racconta la scomparsa di 43 studenti della Scuola Normale Rurale Raúl Isidro Burgos, avvenuta nel 2014.

Cecilia Romo Pelayo, direttrice artistica della Muestra de Cine Mexicano, in occasione dell’appuntamento del 3 dicembre annuncerà l’edizione 2022 del festival, che tornerà nel suo “formato normale”.