Collaborazione tra Messico e Italia su tematiche di protezione civile

Collaborazione tra Messico e Italia su tematiche di protezione civile

Ore 19.23 – Il 6, 7 e 8 luglio si terrà a Città del Messico un incontro tra rappresentanti locali e italiani su temi legati alla protezione civile.

L’evento, dal titolo “Scambio di esperienze, presentazione di tecnologie e metodologie nella gestione delle emergenze”, si svolgerà presso l’auditorium del Centro Nazionale per la Prevenzione dei Disastri (CENAPRED), organo amministrativo decentrato della Secretaría de Seguridad y Protección Ciudadana (SSPC) del governo federale.

L’incontro sarà aperto da Óscar Zepeda, direttore generale della Protezione civile del Messico e Giovanni Luca Atena, direttore dell’ufficio ICE per il Messico e il Centro America.

Dopo la cerimonia di apertura verranno affrontati temi relativi alle attività di soccorso in Italia in scenari detritici derivati ​​da eventi sismici, esplosioni, smottamenti o dissesti statici e idrogeologici, con riferimento ai casi reali del ponte Morandi e della Torre dei Piloti a Genova, la valanga di Rigopiano e l’esplosione di Ravanusa.

Il programma comprende una descrizione da parte di membri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco delle attività di gestione dei dati e capacità di risposta flessibile, nonché una panoramica delle apparecchiature utilizzate.

Nel pomeriggio di mercoledì 6 luglio Luigi Lupoli dell’azienda Leonardo presenterà il tema “Tecnologie e Sistemi per la Gestione delle Emergenze. Sistema per missioni ISR/ISTAR-UAV Falco. Sistemi di rilevamento automatico delle sagome nelle operazioni di ricerca e soccorso”.

Successivamente, Romeo Vergara Castañeda —direttore dell’Organizzazione settoriale del Coordinamento nazionale della Protezione Civile del Messico— illustrerà le caratteristiche del “Sistema de Comando de Incidente” (SCI), uno strumento utile per raggiungere l’efficienza nel controllo delle operazioni di risposta a un incidente, nonché nella preparazione in presenza di scenari di rischio.

Le attività della prima giornata si concluderanno con la “Presentazione di nuove tecnologie di simulazione e formazione nel metaverso” di Jorma Ferino, dell’azienda italiana SJM TECH.

Giovedì 7 luglio è in programma una presentazione di “Sistemi per l’allerta precoce degli tsunami”, tenuta da Daniele Calore della società veneta Hydra Solutions, esperta in servizi di ingegneria e sistemi di acquisizione dati per il settore marittimo.

Dopo una pausa, David Zuliani, dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS), descriverà il “monitoraggio GNSS delle frane (collasso dei versanti)”, illustrando gli strumenti utilizzati per ottenere soluzioni efficienti in questo campo.

Poco prima delle 13, un altro rappresentante di ‘OGS, Valerio Poggi, proporrà ai partecipanti la presentazione “Utilizzo del monitoraggio sismico per la valutazione rapida degli impatti di forti terremoti sulle infrastrutture e sulla popolazione”.

Una presentazione del gruppo Boldrini, produttore di macchinari industriali, concluderà le attività della mattinata.

Nel pomeriggio si terranno conferenze relative all’uso delle nuove tecnologie nei compiti di soccorso e all’uso di robot/droni per la sicurezza dei beni culturali. La giornata chiuderà con una presentazione sulla prevenzione, rilevazione, controllo e sorveglianza degli incendi boschivi.

La mattinata di venerdì 8 luglio sarà dedicata a una tavola rotonda sul tema della certificazione INSARAG, una rete globale sotto l’egida legale delle Nazioni Unite il cui scopo è stabilire standard internazionali minimi per le squadre di ricerca e soccorso urbane e una metodologia per il coordinamento internazionale della risposta alle catastrofi naturali.

Patronato ITAL Messico