Accordo calcistico Messico-Italia tra FMF, Liga MX, FIGC e Serie A

Accordo calcistico Messico-Italia tra FMF, Liga MX, FIGC e Serie A

Ore 04.28 – Presso la sede dell’Ambasciata del Messico a Roma la Federcalcio Messicana (FMF) e la Prima Divisione del Messico —nota come Liga MX— hanno firmato un accordo strategico con le loro controparti italiane, la FIGC e la Serie A, con l’obiettivo di scambiare conoscenze su temi quali la formazione degli organi tecnici, il miglioramento delle pratiche arbitrali, la responsabilità sociale, il marketing e la gestione sportiva, tra gli altri.

Erano presenti Gabriele Gravina, presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), Lorenzo Casini, presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A, Mikel Arriola, presidente esecutivo della Liga MX, e Yon De Luisa, presidente della Federcalcio messicana (FMF). L’Ambasciatore del Messico in Italia, Carlos García de Alba, ha partecipato come testimone d’onore.

Arriola e De Luisa hanno sottolineato che uno degli scopi principali dell’accordo è quello di stabilire un rapporto che consenta ai calciatori messicani emersi dalle forze di base —dall’età di 13 anni— avere maggiore visibilità nel mercato europeo per poter emigrare più giovani.

«Ciò che desideriamo comunicare all’Europa è che il Messico è uno dei migliori preparatori di giocatori professionisti. Vogliamo supportare i giovani affinché i loro processi li portino non solo alla Prima Divisione messicana, ma anche in Europa. Ne abbiamo parlato con Hirving ‘Chucky’ Lozano —attaccante messicano del Napoli in Serie A— che suggerisce che questo si faccia in tutti i campionati, perché giocare nel Vecchio Continente cambia lo schema disciplinare e il livello competitivo tende ad aumentare», ha spiegato Arriola.

La Serie A è il terzo campionato di alto livello con cui la Liga MX firma un accordo negli ultimi due anni, dopo averlo fatto con la LaLiga spagnola nel maggio 2021 e con la Bundesliga tedesca poco più di un mese fa.

Sebbene gli accordi non prevedano azioni specifiche, tutti e tre hanno l’obiettivo di ampliare le opportunità dei giovani messicani che giocano nelle forze di base.

«La nostra aspirazione è identificare i giocatori sin dai primi anni e generare accordi di condivisione del rischio tra i club, per evitare che raggiungano i 18 anni e sia necessario forzare una transazione, ma piuttosto creare le condizioni affinché i trasferimenti avvengano in modo naturale tra i 13 e i 17 anni. Vogliamo intervenire fornendo informazioni ai compratori su un mercato dove sono presenti circa 2.500 calciatori messicani. Questo è ciò che abbiamo spiegato alla Bundesliga, alla LaLiga e ora alla Serie A», ha sottolineato il presidente esecutivo della Liga MX.

Secondo i dati della Liga MX, attualmente sono 2.356 i calciatori iscritti in cinque diverse categorie di forze di base che vanno dai 13 ai 20 anni, inclusa una categoria femminile. Tuttavia, solo due giocatori militano in Serie A (Hirving Lozano e Johan Vásquez), nessuno nella Bundesliga e quattro nella LaLiga (Andrés Guardado, Diego Lainez, Orbelín Pineda e Jesús Manuel Corona).

Arriola spera che l’accordo con l’Italia porti progetti comuni a breve termine: «Vogliamo iniziare ad identificare i giovani per nome e cognome affinché abbiano un futuro chiaro prima che concludano i loro accordi commerciali con i club messicani e possano essere competitivi nel mercato europeo. Abbiamo pochi giocatori in Europa perché quando si verifica il momento della transazione, ai nostri giocatori viene offerto più denaro in Messico, per cui desideriamo vederli partire prima».

Patronato ITAL Messico