II Messico incontra il mondo: al via il Tianguis Turistico a Mérida

tianguisturisticomerida

Ore 06.08 – Al via oggi in Messico, in modalità presenziale, il “Tianguis Turístico”, definito dal ministero federale del Turismo «la fiera più importante del Paese». La manifestazione si tiene dal 16 al 19 novembre a Mérida, capitale dello Yucatan, e vedrà la partecipazione di 1.504 compratori di pacchetti per viaggi in tutto il territorio messicano provenienti da 42 nazioni, +12% rispetto all’edizione 2019.

Sono previsti 56.643 appuntamenti, +19,5% rispetto alla cifra registrata nell’evento tenutosi ad Acapulco nel 2019 prima della crisi sanitaria. Il rapporto della Secretaría de Turismo specifica che saranno rappresentati i 32 Stati del Paese con la partecipazione di 936 aziende e 4.048 fornitori di servizi.

«Sono davvero emozionata per questo ritorno ai lavori in presenza» –ha detto Michelle Fridman, ministra dello Sviluppo turistico dello Yucatan— «Per noi è una edizione storica. Sono 45 anni che il Tianguis rappresenta il veicolo principale di promozione turistica del Messico e, dopo la pandemia, abbiamo registrato un elevato numero di adesioni che ci fa rendere conto che la gente ha voglia di tornare a viaggiare».

«Il mercato europeo è per noi molto importante» – ha precisato Fridman – «nello Yucatan, oltre le spiagge, è possibile fare escursioni nelle città coloniali, conoscere la cultura maya attraverso i meravigliosi complessi archeologici, come quello di Chichén Itzá, oppure immergersi nella nostra natura e godere dei cenotes, le magnifiche grotte di acqua dolce tipiche della zona. Solo nella nostra regione se ne contano oltre 6 mila».

Per entrare negli spazi dove si svolgeranno i lavori sarà d’obbligo presentare un certificato di vaccinazione completa oppure un tampone PCR o antigenico effettuato non più di 48 ore prima.

Il ministro federale del Turismo, Miguel Torruco, è arrivato a Mérida tre giorni fa e da allora ha svolto varie attività in compagnia del governatore Mauricio Vila e di Michelle Fridman. Ieri ha pubblicato sul suo account Twitter: «Qualcosa sta accadendo nello Yucatan, lo Stato sta professionalizzando il turismo, è qualcosa che si nota, posizionandosi, a fine ottobre, come il terzo Stato per ricezione di investimenti». In questo contesto, l’azienda italiana Fincatieri analizza il progetto di realizzazione di un cantiere navale nel porto di Progreso, a circa 40 km da Mérida.