Pinocchio: le recensioni parlano di uno dei migliori film di del Toro

Pinocchio: le recensioni parlano di uno dei migliori film di del Toro

Ore 18.18 – Il nuovo Pinocchio uscirà il 9 dicembre su Netflix, ma il film d’animazione in stop-motion diretto dal messicano Guillermo del Toro è stato presentato in anteprima mondiale al London Film Festival, dove la stampa ha potuto vederlo e diffondere le prime entusiastiche recensioni.

Buona parte dei critici parlano di uno dei migliori lungometraggi di Del Toro degli ultimi anni: il regista lo ha co-diretto assieme a Mark Gustafson, dando un taglio inedito al classico di Collodi grazie a un’ambientazione nell’epoca fascista.

Riportiamo di seguito alcuni estratti dei principali articoli:

The Hollywood Reporter – È quello che è, ed è perfetto nella sua imperfezione.
Variety – Un film lungo due ore, leggermente indulgente, ma mai sciocco, un raro caso di intrattenimento per bambini che non teme di lasciarli perplessi oltre a incantarli.
TheWrap – Il motivo per cui questo film è così bello, nonostante sia pieno di trauma e disperazione, è che del Toro è chiaramente dalla parte del suo innocente protagonista. Una volta che Pinocchio smette di barcollare in giro come uno zombie, diventa questo adorabile, esuberante e generoso eroe, la cui insistenza nel mettere in discussione le convenzioni del mondo è sia accattivante che coraggiosamente satirica.
Indiewire – Una magnifica ossessione lunga decenni si è tradotta in una fiaba classica cui è stata data nuova vita con squisita maestria e una storia attuale sulla ribellione.
Slashfilm – Alla fine è un film dark tanto quanto stimolante – in maniera piacevole, con domande complesse e intriganti, oltre a un vero senso del pericolo.
Screen – Un film che non edulcora il dolore del lutto, la futilità della guerra o i molteplici fallimenti del genere umano, ma riesce a contrappore con equilibrio all’oscurità scintille di speranza, umorismo e umanità.
Deadline – I fan dello stile visivo di Del Toro non rimarranno delusi, ma come nel caso di Nightmare Alley ci sono forse così tanti dettagli e abbellimenti in superficie quando in realtà forse servirebbero più fascino e meraviglia.

Patronato ITAL Messico